Specialisti in Otorinolaringoiatria e in branche affini
Patologie

MALATTIE DELL'ORECCHIO

Ipoacusia
Tappo di cerume
Micosi
Eczema (dermatite)
Otite esterna
Otite bolloso emorragica
Otite siero mucosa
Otite acuta
Otite cronica colesteatomatosa

Acufeni,
Otosclerosi
Chirurgia della sordità (cofochirurgia)
Ipoacusia improvvisa
Protesi acustiche
Impianti cocleari
Danni acustici "da rumore"
Inestetismi dell'orecchio (otoplastica)
Ipoacusie Infantili

esplora anche l'immagine
con il mouse per navigare


In questa pagina: OTITE SIERO MUCOSA; OTITE ACUTA

OTITE SIERO-MUCOSA
Sinonimi: otite trasudativa, catarro tubarico, mucotimpano, glue ear
La malattia è determinata dalla formazione e dal ristagno di un versamento di muco all'interno dell'orecchio medio.
Nei bambini il fenomeno è cronico ed è secondario alle patologie delle adenoidi e delle tonsille (ipertrofia adenoidea e tonsillare).
Negli adulti la patologia può essere ad insorgenza acuta secondaria a brusche variazioni di pressione (dopo un volo aereo, nei subacquei, negli aviatori) oppure recidivante o cronica quando è dovuta a cause nasali (deviazione del setto, ipertrofia dei turbinati, poliposi nasale) o rinofaringee (persistenza di adenoidi, fibromi, neoplasie).
Il paziente accusa: ipoacusia (di tipo trasmissivo), vertigini e otodinia ( nelle forme barotraumatiche).

La diagnosi si formula con l'esame obiettivo, con l'esame audiometrico ed impedenzometrico.

La terapia medica farmacologica si basa su cicli ripetuti per via orale di

antibiotici
antiistaminici
antiinfiammatori non steroidei
cortisonici (nei casi più gravi e recidivanti)
immunostimolanti
mucolitici ed antiinfiammatori o steroidi per via aerosolica.
decongestionanti nasali (gocce nasali)
preparazioni ad uso topico (gocce auricolari)

Molto utili risultano anche ripetuti lavaggi nasali con soluzioni idrosaline o acque termali eventualmente somministrati mediante idonei apparecchi.
E' indubbio il favorevole effetto terapeutico di terapie aerosoliche con farmaci adeguati e strumenti idonei all'uso.

Nella fase di convalecenza, per eliminare i possibili sintomi residui di occlusione tubarica (senso di orecchio pieno, acufeni), sono molto utili strumenti atti ad eseguire insufflazioni tubariche a domicilio

Utilissima (talvolta risolutiva) risulta essere la terapia termale a cicli ripetuti a base di insufflazioni endotimpaniche ed aerosol nasali sonici con acque sulfuree.

Una possibile alternativa alla terapia farmacologica tradizionale può essere costituita dalla Omeopatia

Terapia chirurgica
In età pediatrica, nei casi resistenti ad ogni terapia medica e secondari all'ipertrofia adenoidea e/o tonsillare, è indicato l'intervento di adenoidectomia o di adenotonsillectomia.
Nell'adulto in caso di fallimento delle cure mediche, vanno risolte chirurgicamente tutte le eventuali patologie nasali (deviazioni del setto nasale, ipertrofia dei turbinati, polipi nasali, displasia bullosa e sinusite) o rinofaringee (persistenza di adenoidi, fibromi, neoplasie).
Talvolta (circa nell'un per cento dei casi), anche se si tratta chirurgicamente in modo idoneo la causa della malattia, l'otite siero mucosa tende a persistere e si comporta come una affezione con decorso autonomo.

In questi casi agli atti operatori suddetti deve essere abbinato l'intervento di "paracentesi timpanica con posizionamento di drenaggio trans-timpanico".
L'intervento si esegue in anestesia locale con l'ausilio di un microscopio. Si pratica una piccola incisione nella membrana del timpano attraverso la quale si posiziona un piccolo drenaggio per favorire la fuoriuscita delle secrezioni ristagnanti.
Il piccolo tubo viene eliminato spontaneamente dopo 4-6 mesi e l'otite siero-mucosa guarisce quasi sempre perfettamente.


OTITE MEDIA ACUTA
L'otite acuta è causata da virus e batteri, che raggiungono l'orecchio medio

dall'esterno - attraverso rotture o lacerazioni del timpano.
dal sangue - nel decorso di malattie generali (morbillo, scarlattina).
dalle fosse nasali - attraverso la tuba di Eustachio.


Quando l'infezione si propaga dalle fosse nasali, esistono quasi sempre malattie delle adenoidi (nel bambino) e del naso nell'adulto ( riniti e sinusiti).
La malattia causa violenta otodinia (dolori all'orecchio), ipoacusia (di tipo trasmissivo), febbre.
Dopo qualche giorno dall'esordio può comparire otorrea (fuoriuscita di pus dall'orecchio) che testimonia l'avvenuta perforazione del timpano.
L'otite media acuta si tratta con antibiotici, cortisonici e, se non è presente otorrea, con farmaci ad uso topico in gocce che hanno attività antidolorifica, antibiotica ed antiinfiammatoria.
Se è presente, tuttavia, otorrea i preparati ad uso topico in gocce vanno assolutamente evitati.
Dopo la fase acuta possono essere utili tutti i rimedi terapeutici citati per la terapia dell'otitte siero mucosa recidivante.
L'otite acuta, se ben trattata, guarisce quasi sempre senza danni all'orecchio.
Se non viene curata adeguatamente può evolvere in otite cronica nella quale la perforazione del timpano non cicatrizza ed esistono danni permanenti all'udito.

Continua > otite cronica, colesteatoma


-Domande all'Esperto
per navigare