Specialisti in Otorinolaringoiatria e in branche affini

Il sito non utilizza Cookies, possono tuttavia essere presenti e attivi cookies di terze parti (es Google analitycs). Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookies. Per maggiori informazioni e per disattivarli clicca qui

Patologie

IL CELLULARE
Danni da radiofrequenze

Telefonini e tumori. Basta allarmismi.

I telefonini cellulari sono stati introdotti sul mercato agli inizi degli anni ’90 ed oggi circa 500 milioni di persone nel mondo li usano abitualmente. Negli ultimi tempi tra l’opinione pubblica si è diffusa la preoccupazione che le microonde generate dai telefonini potessero causare, tra gli altri effetti negativi sulla salute, tumori del cervello.

Recentemente un gruppo di ricercatori statunitensi ha esaminato un campione significativo di pazienti con tumore del cervello ricoverati in diversi ospedali e li ha confrontati con un analogo campione di pazienti che erano entrati negli stessi ospedali e nello stesso periodo di tempo ma con una serie di problematiche mediche non maligne.Dallo studio non è emersa alcuna evidenza che il rischio dei tumori del cervello fosse più elevato tra le persone che avevano usato i telefonini . Inoltre i tumori non si verificavano più frequentemente sulla parte della testa dove tipicamente il telefonino veniva appoggiato. Questi dati pertanto non supportano l’ipotesi che l’esposizione alle microonde provenienti dai telefonini cellulari possa causare tumori maligni o benigni, confermando l’evidenza biologica, già esistente in laboratorio, dell’assenza di carcinogenicità delle radiofrequenze provenienti dai telefonini cellulari.

esplora anche l'immagine
con il mouse per navigare

Consigli per l'utilizzo

Il Cnr e l’Ispesl hanno stilato un semplice vademecum per chi utilizza i telefoni cellulari; sette semplici precauzioni:

1) Usare l’auricolare e tenere il telefonino distante dal corpo (ad esempio appoggiato sul tavolo).
2) E’ preferibile che il telefonino abbia una fodera schermata (in vendita ci sono anche fodere realizzate con un tessuto certificato dal Cnr) e che anche il filo dell’auricolare sia schermato.
3) Se non è possibile osservare le regole 1) e 2), tenere il telefonino ad una distanza di almeno 5 cm.
4) E' preferibile attivare una chiamata quando c’è un forte segnale di campo, cioè, quando la stazione radio base è vicina, in quanto questa condizione minimizza l’irradazione.
5) Limitare le conversazioni. Più tempo si passa al telefonino più il rischio potenziale aumenta.
6) Rispetto delle prescrizioni locali per l'utilizzo dei telefoni cellulari al fine di evitare interferenze elettromagnetiche. I telefoni cellulari possono interferire con certi dispositivi elettromedicali, come ad esempio pacemaker e apparecchi acustici. Nei reparti di terapia intensiva degli ospedali l'impiego del cellulare può creare pericoli per i pazienti e non dovrebbe essere consentito. Analogamente, i cellulari non dovrebbero essere utilizzati a bordo degli aerei in quanto potrebbero interferire con gli strumenti di navigazione.
7) Sicurezza alla guida: vi sono chiare indicazioni di aumento dei rischi di incidente se si utilizza il telefonino mentre si guida, sia esso di tipo convenzionale o dotato di un qualsiasi dispositivo che lasci libere le mani. Gli automobilisti dovrebbero essere fortemente scoraggiati dall'utilizzare il telefonino durante la guida.

-Domande all'Esperto
per navigare