Specialisti in Otorinolaringoiatria e in branche affini

Il sito non utilizza Cookies, possono tuttavia essere presenti e attivi cookies di terze parti (es Google analitycs). Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookies. Per maggiori informazioni e per disattivarli clicca qui

Patologie

IMMERSIONI E VOLI AEREI
patologie da brusche variazioni di pressione (barotraumi)

IMMERSIONI
La presenza di fatti infiammatori anche banali delle prime vie aeree in soggetti predisposti può creare non pochi problemi agli appassionati di attività subacquea.

La tuba di Eustachio che, come è ben noto ha il compito di ricambiare l'aria all'interno dell'orecchio medio equilibrando la pressione endotimpanica rispetto a quella esterna, è frequentemente disfunzionale in questi pazienti.

In essi sono inoltre spesso presenti patologie allergiche e infettive del naso o difetti anatomici (deviazioni del setto nasale o ipertrofia dei turbinati).

esplora anche l'immagine
con il mouse per navigare

La tuba, in questi soggetti, può non essere in grado di equilibrare la pressione soprattutto in caso di brusche variazioni come avviene nelle immersioni (aumento della pressione esterna).
Si determina allora una patologia "barotraumatica" dell'orecchio medio detta otite siero mucosa anche nota con il nome di otite trasudativa, catarro tubarico, mucotimpano, glue ear.
I sintomi sono causati dalla formazione e dal ristagno di un versamento mucoso all'interno dell'orecchio medio.
Il paziente accusa pertanto ipoacusia (di tipo trasmissivo), vertigini e male all'orecchio (otodinia).
Approfondimento >

CONSIGLI
Tutti gli sportivi che, nell'esercizio dell'attività subacquea, hanno avuto problemi di questo genere o anche un semplice episodio di male all'orecchio devono:
Trova un medico Specialista in medicina subacquea e iperbarica

Nota bene:
Il timpano è in grado di resistere, in caso di disfunzione della tuba a differenze di pressione che non possono superare un certo valore. Se questo valore viene superato, la membrana si rompe, l'orecchio medio viene bruscamente invaso da acqua fredda e si determina una violenta vertigine che è estremamente pericolosa, se si considera che avviene sott'acqua.


VOLI AEREI

Analogamente a quanto riferito per le immersioni (vedi sezione precedente) la stessa patologia può colpire pazienti che effetuano voli aerei per turismo o, più facilmente, piloti professionisti.
In questo caso il fenomeno avviene esattamente al contrario rispetto a quanto succede in una immersione, ma le conseguenze barotraumatiche sono del tutto simili.

Durante alcune fasi del volo avviene un brusco calo della pressione esterna (decollo), in altre avviene un rapido aumento della stessa (atterraggio). Le brusche variazioni di pressione possono determinare problemi all'orecchio in soggetti predisposti.
Si determina allora anche in questo caso una patologia "barotraumatica" dell'orecchio medio con versamento catarrale detta otite siero mucosa anche nota con il nome di otite trasudativa, catarro tubarico, mucotimpano, glue ear.

Approfondimento >


Consigli:
Tutti coloro che in occasione di voli aerei hanno avuto problemi di questo genere o anche un semplice episodio di male all'orecchio devono:
  • Sottoporsi al controllo dell'otorinolaringoiatra.
  • Eseguire cicli di terapia aerosolica preventiva con cortisonici e mucolitici per via nasale per 7-8 giorni prima di ogni volo.
  • Instillare 1/2 ora prima del decollo e dell'atterraggio 2-3 gocce nasali a base di vasocostrittori.
  • Masticare spesso caramelle o altro durante il volo.
  • Se si intende riposare, non reclinare mai il sedile
  • Eseguire lavaggi nasali nel giorno precedente il volo con spray reperibili in commercio
-Domande all'Esperto
per navigare