Specialisti in Otorinolaringoiatria e in branche affini

Il sito non utilizza Cookies, possono tuttavia essere presenti e attivi cookies di terze parti (es Google analitycs). Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookies. Per maggiori informazioni e per disattivarli clicca qui

Patologie


ARTICOLI DEL MESE

Tratta da Doctornews (maggio 2007)

A Strasburgo prima operazione 'senza tagli'
Asportata la colecisti attraverso un endoscopio flessibile introdotto per via vaginale

E' stata eseguita con successo all'ospedale universitario di Strasburgo, in Francia, la prima operazione senza cicatrici. L'intervento - riferisce l'istituto in una nota - è stato eseguito il 2 aprile dal team di Jacques Marescaux, su una giovane 30enne alla quale è stata asportata la colecisti attraverso un endoscopio flessibile introdotto per via vaginale. L'operazione rientra nel progetto 'Anubis', che estremizza il concetto di chirurgia mininvasiva, puntando a interventi senza tagli in grado di sfruttare gli orifizi naturali del corpo umano. La fase successiva mira a sperimentare e validare altre vie di accesso: in primis quella gastrica, spiegano i medici. L"impresa' di Marescaux e colleghi è stata presentata lo scorso fine settimana a Las Vegas, al congresso della Società americana di chirurgia endoscopica (Sages). La chirurgia endoscopica cosiddetta transluminale - che 'passa' appunto da orifizi naturali - è nata nel 2004 come evoluzione della chirurgia mininvasiva 'tradizionale', lanciata dal chirurgo francese Philippe Mouret nel 1987, con la prima colecistectomia in laparoscopia. Finora, però, la chirurgia 'incisione-free' era rimasta confinata nel campo della ricerca sperimentale. Il progetto 'Anubis' - conclude il comunicato - è frutto della sinergia di più attori istituzionali, scientifici e industriali nel settore delle scienze biomediche. Oltre all'ospedale universitario di Strasburgo, vi hanno lavorato l'Ircad-Etis-Institut de recherche contre les cancers de l'appareil digestif dell'università Louis Pasteur di Strasburgo, e Karl Storz Endoscopia, azienda attiva in chirurgia mininvasiva. La paziente operata, segretaria in uno studio medico, era stata informata su ogni dettaglio del nuovo intervento. Dopo l'operazione, è stata ricoverata in ospedale per 48 ore soltanto a scopo prudenziale.