OTORINOLARINGOIATRIA e CHIRURGIA ESTETICA DEL VOLTO E DEL COLLO

Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Ipertrofia dei turbinati

Ipertrofia dei turbinati

ipertrofia dei turbinati "gonfiore cronico delle mucose del naso"

Le persone che soffrono in modo cronico di naso chiuso sono sempre più numerose, soprattutto nelle città, a causa dell'inquinamento atmosferico, dell'aumento delle riniti allergiche e dell'abitudine all'uso delle gocce nasali decongestionanti (vasocostrittori).

Questa forma morbosa è caratterizzata da un gonfiore permanente della mucosa nasale che riveste alcune strutture situate dentro le fosse nasali, dette: turbinati

turbinati sono tre "sporgenze ossee" situate in ogni fossa nasale e sono formati da una piccola "lamina" di osso ricoperta da mucosa e dal sottostante abbondante tessuto cavernoso (connettivo con molti vasi venosi ed arteriosi). 

Le allergie nasali, le infezioni ripetute, l'inalazione abituale di alcune sostanze negli ambienti di lavoro il fumo e l'utilizzo continuo di gocce nasali (vasocostrittori), i disturbi del sistema immunitario, l'aumento di ormoni nella gravidanza, l'uso di farmaci contro l'impotenza, determinano uno stato infiammatorio cronico  che causa aumento di volume dei turbinati detto ipertrofia dei turbinati.


 VIDEO YOUTUBE: Nuove tecniche mininvasive per la correzione della ipertrofia dei turbinati senza tamponi nasali, in anestesia locale in day surgery 


 

turbinati, risentono in particolare degli effetti dei vasocostrittori contenuti nelle gocce nasali decongestionanti. Questi farmaci, all'inizio, creano un senso di benessere legato alla riduzione del sangue nella mucosa nasale (vasocostrizione), ma il loro uso prolungato oltre i 7 giorni, determina un "gonfiore cronico e progressivo" dovuto agli effetti di vasodilatazione (aumento dell'afflusso di sangue) che seguono alla iniziale vasocostrizione. Per questo motivo l'uso continuo delle gocce per il raffreddore crea danni gravi e permanenti (effetto rebound delle gocce nasali).

Anche i nuovi farmaci per trattare l'impotenza possono causare congestione nasale per l'effetto di vasodilatazione , ma il loro l'effetto è solo transitorio e non esiste assuefazione.

Frequentemente si associano alle patologie suddette anche deviazione del setto nasale e altre anomalie congenite tipo le conchae bullose. Queste anomalie della anatomia del naso possono favorire e talvolta anche scatenare le altre patologie.

 

In base alla possibile eziologia (causa) la malattia viene denominata:

  • rinite vasomotoria (senza una causa evidente)
  • rinite farmacologica (se causata da abuso di decongestionanti)
  • rinite allergica (se coesistono allergie documentate ad inalanti o alimenti)
  • rinite gravidica (durante la gravidanza e l'allattamento)
  • nares (se coesiste nel muco nasale aumento degli eosinofili - citologia nasale)
  • naresma (se coesistono nel muco nasale aumento degli eosinofili e delle mastcellule).
  • narma (se coesistono nel muco nasale aumento delle mastcellule).

 

La RINITE GRAVIDICA (rinopatia ormonale) è un tipico disturbo della gestazione e dell'allattamento. Si manifesta nel 60% circa delle gravidanze. Si tratta di raffreddore persistente con ipertrofia dei turbinati ed edema delle mucose nasali dovuto a cause ormonali; all'aumento degli estrogeni e del progesterone.

La NARES, la NARESMA e la NARMA sono forme di recente acquisizione e identificano riniti croniche con attivazione del sistema immunitario. Il paziente affetto da queste riniti particolari, dovrà curarsi in modo assiduo anche dopo eventuali interventi chirurgici. In queste patologie, che si associano frequentemente ai polipi nasali, la recidiva della ipertrofia dei turbinati è più frequente. La diagnosi di queste forme avviene grazie a tutti gli esami che si tratteranno in un capitolo dedicato (DIAGNOSI) e mediante un nuovo esame, non invasivo, che studia la popolazione cellulare del muco nasale (citologia nasale, rinocitogramma):

  

SINTOMATOLOGIA

sintomi vengono accentuati da variazioni climatico - ambientali (cambi di stagione, cambiamenti di temperatura e di umidità dell'aria) e sono caratterizzati da:

  • senso di ostruzione respiratoria nasale (dispnea nasale)
  • scolo di secrezioni di muco dal naso verso la gola (mucorrea)
  • mal di testa (cefalea)
  • secchezza della bocca (xerostomia)
  • alito cattivo (alitosi)
  • alterazioni dell'odorato e del gusto (ipoosmia, ipogeusia) 
  • mal di gola e gola "secca" recidivanti (faringite)
  • sinusiti (infezioni dei seni paranasali)
  • russamento e apnee del sonno (vedi: www.russamentoeapnee.com)
  • otiti recidivanti o croniche

per tutti gli altri sintomi e patologie vedi: www.otorinolaringoiatria.org


  Russamento e apnee del sonno - gli esami diagnostici più recenti - la nuova chirurgia - www.russamentoeapnee.com 


 CONTINUA > DIAGNOSI, TERAPIA MEDICA E CHIRURGICA


 IL MEDICO RISPONDE                                    CONTATTI                                   HOME PAGE